logo Unicef logo Unicef

SENZ'ACQUA
SI MUORE.
DONA ORA.


Nel sud dell’Angola la siccità, che ha ormai bruciato campi e raccolti, costringe donne e bambini a percorrere chilometri ogni giorno in cerca di un po’ d’acqua. PER NON MORIRE DI SETE.

Spesso sono costretti a scavare a mani nude la terra arida finché trovano acqua mista a fango, sporca e pericolosa. Ma è la sola disponibile per bere, cucinare, lavarsi e lavare i panni.

Là dove la siccità è più grave, 160 milioni di bambini rischiano di morire di sete. Una soluzione però esiste: l'UNICEF è in grado di realizzare un pozzo a pompaggio manuale, fondamentale per garantire loro acqua potabile.

Se anche tu pensi che non sia accettabile, oggi, morire di sete fai una donazione.
Aiutaci a portare acqua pulita dove non c’è, donerai la vita.

Condividi su